In order to bring you the best possible user experience, this site uses Javascript. If you are seeing this message, it is likely that the Javascript option in your browser is disabled. For optimal viewing of this site, please ensure that Javascript is enabled for your browser.

Sintomi della fibrillazione atriale

Sintomi della fibrillazione atriale

Sintomi e segni della fibrillazione atriale

 

Quali sono i sintomi e i segni della fibrillazione atriale? 

Alcuni pazienti con fibrillazione atriale potrebbero non mostrare affatto sintomi. I sintomi più comuni sono le palpitazioni (sensazione di sfarfallio al torace). Gli altri sintomi comunemente riportati della fibrillazione atriale sono mancanza di respiro, stanchezza, dolore toracico, senso di affaticamento, capogiro e persino perdita di coscienza (sincope). Non è chiaro perché alcune persone con fibrillazione atriale manifestino sintomi e altre no. In molti pazienti, i sintomi sono legati a un battito cardiaco accelerato. Alcuni pazienti continueranno tuttavia a manifestare sintomi, anche se la frequenza cardiaca non è elevata. In altri pazienti, la causa dei sintomi potrebbe essere dovuta a un battito cardiaco eccessivamente lento durante la fibrillazione atriale.

Un polso irregolare (confermato generalmente auscultando il cuore con uno stetoscopio) è il segno più comune di fibrillazione atriale durante un esame fisico.

 

Tabella 1.

Segni e sintomi comuni della fibrillazione atriale

Irregolarità del polso

Palpitazioni

Mancanza di respiro

Sensazione di estrema stanchezza o mancanza di energie

Capogiro o confusione

Confusione della mente o svenimento

Sensazione di paura o ansia

Fastidio al torace o dolore toracico

Sincope (perdita di coscienza)

 

Quando devo rivolgermi con urgenza al medico?

Alcuni pazienti affetti da fibrillazione atriale possono manifestare sintomi spiacevoli che causano una grande quantità di disagio, in particolare coloro che presentano episodi intermittenti di fibrillazione atriale, detti fibrillazione atriale parossistica. Se si manifestano uno qualsiasi o tutti questi sintomi occorre rivolgersi immediatamente al medico o all'ospedale.

 

LA FIBRILLAZIONE ATRIALE È PERICOLOSA? 

La fibrillazione atriale in sé non rappresenta un rischio diretto e immediato di morte e molti pazienti convivono per decenni con l'aritmia; tuttavia, la fibrillazione atriale può portare a complicazioni gravi, quali:

  • Ictus
  • Insufficienza cardiaca

 

Ictus

La complicazione più comune e più grave della fibrillazione atriale è l'ictus. L'ictus si verifica ogni anno in circa 1 su 20 pazienti che soffrono di fibrillazione atriale. Le persone che soffrono di fibrillazione atriale hanno un rischio 5 volte superiore di subire un ictus rispetto agli individui della stessa età e dello stesso sesso che non ne soffrono.

Normalmente, un ictus può manifestarsi in due modi diversi: un vaso sanguigno nel cervello può ostruirsi (interrompendo l'afflusso di sangue; si parlerà in questo caso di ictus ischemico) oppure può iniziare a sanguinare (si avrà in questo caso un ictus emorragico). Gli ictus causati da un'ostruzione sono più comuni rispetto a quelli causati da sanguinamento.

Figura 1: immagini relative alla formazione di un coagulo e di ictus tratte dal sito web attuale

 

Perché la fibrillazione atriale causa l'ictus?

Generalmente un coagulo di sangue si forma nell'auricola atriale sinistra a causa di un flusso ridotto in questa regione. Ciò si verifica quando l'attività elettrica non coordinata negli atri ne impedisce la corretta contrazione, causando un'aggregazione delle cellule ematiche e un rischio aumentato di formazione di coaguli. Una volta formati, i coaguli possono liberarsi e circolare nel flusso ematico bloccando le arterie. Se ciò avviene nelle arterie cerebrali, il risultato è un ictus.

 

Quali sono i sintomi e i segni di un ictus?

La quantità e il tipo di sintomi di un ictus dipendono dalla parte di cervello coinvolta. Maggiori sono le dimensioni del coagulo e l'ampiezza dell'arteria bloccata, più gravi saranno le conseguenze dell'ictus. Se dal coagulo principale nel cuore si distaccano coaguli molto piccoli, si potrebbe verificare un mini-ictus (detto anche "attacco ischemico transitorio" o TIA (transient ischemic attack)), i cui sintomi si risolvono entro un giorno.

Le seguenti tabelle illustrano i segni e i sintomi più comuni di un ictus; in presenza di uno (o più di uno) di essi, consultare immediatamente un medico, anche se di lieve entità o dovessero scomparire dopo alcuni minuti.

Tabella 2.

Segni e sintomi comuni dell'ictus

Intorpidimento o debolezza del viso, di un braccio o di una gamba, in particolare su un solo lato del corpo

Asimmetria del viso o paralisi di un solo lato del viso

Confusione o difficoltà a comprendere le altre persone

Sensazione insolita in un solo lato del corpo

Difficoltà a parlare (cattiva articolazione e incapacità nel ripetere anche una semplice frase)

Incapacità di deglutire correttamente

Difficoltà a vedere con uno o entrambi gli occhi (o cecità improvvisa)

Difficoltà a camminare oppure perdita di equilibrio o di coordinazione

Grave capogiro

Grave mal di testa che si sviluppa senza un motivo noto

 

Tabella 3.

Identificare l'ictus rapidamente

Paralisi del viso (Face drooping) – Un lato del viso è paralizzato o intorpidito? Il paziente può sorridere?

Debolezza delle braccia (Arm weakness) – Un braccio è debole o intorpidito? La persona può sollevare entrambe le braccia? Un braccio rimane più in basso?

Difficoltà a parlare (Speech difficulty) - Il linguaggio è indistinto? Il paziente è in grado di parlare oppure è difficile comprenderlo? Il paziente può ripetere una semplice frase come “il cielo è blu”?

Tempo di chiamare il servizio medico di urgenza (Time to call the emergency medical services) – Se il paziente mostra uno qualsiasi di questi sintomi, anche se scompaiono, chiamare il 112 e farlo portare immediatamente in ospedale.

 

Insufficienza cardiaca 

I pazienti che soffrono di fibrillazione atriale da lungo tempo sono a rischio di sviluppare insufficienza cardiaca, a causa della quale il cuore non riesce più a pompare una quantità di sangue sufficiente agli organi e ai tessuti. Sebbene la fibrillazione atriale possa causare insufficienza cardiaca, i pazienti che soffrono di insufficienza cardiaca per altri motivi hanno una maggiore probabilità di sviluppare fibrillazione atriale. Quindi, in alcune situazioni potrebbe essere difficile stabilire quale delle due condizioni è comparsa per prima quando sono presenti entrambe. Non tutti coloro che soffrono di fibrillazione atriale sviluppano insufficienza cardiaca.